• Nuova moda dalla Finlandia

    R/H: clienti di tutte le fasce d'età

    “La base clienti di R/H è composta principalmente da donne tra i 25 e i 45 anni, ma abbiamo visto anche donne dai 16 ai 75 anni” informa il co-fondatore e stilista di R/H Hanna Riiheläinen. Il flagship store e lo studio di R/H si trova in via Hämeentie, nel quartiere Kallio di Helsinki.

  • Individualità e attitude

    æ è il risultato di un’attitude orientata all’estetica e di una spinta verso l’individualismo. “Abbiamo creato il nostro brand non per ragioni razionali, ma per il desiderio di trovare un nostro modo di operare nell’industria della moda” spiega Elina Peltonen, i cui design sono caratterizzati da linee comode, su misura e morbide. Anche Frederique Vermaete fa parte dell’azienda.

  • Samuji: attrezzare sognatori intelligenti

    Secondo Suvi-Elina Enqvist di Samuji, i design semplificati del brand sono fatti per persone profonde che prestano attenzione al mondo che li circonda. “Il nostro cliente target è interessato a diverse aree della cultura, come arte, musica, poesia e architettura, oltre alle questioni che riguardano la società”, spiega.

  • Acolyth by Joonas Saari

    Complessa e semplificata Joonas Saari descrive il suo stile come privo di fronzoli. “Spesso i look e i prodotti sobri possono essere comunque multi sfaccettati. Attraverso Acolyth intendo esprimermi più liberamente e portare alla luce aspetti esterni alla mia identità di stilista attuale” spiega Saari.

  • Saara Lepokorpi: design che dura

    “Realizzo capi di abbigliamento per le persone insensibili alla produzione di massa”, commenta Saara Lepokorpi. Saara spera che la sua clientela futura consideri l’acquisto di capi di abbigliamento come un investimento anziché adeguarsi alla cultura dell’usa e getta.

  • Si consiglia

    Ti potrebbero interessare anche questi articoli

Nuova moda dalla Finlandia

Molti conoscono Marimekko e Ivana Helsinki, ma che cosa caratterizza la più recente scena modaiola indipendente della Finlandia? Etichette e stilisti come R/H, Samuji, Saara Lepokorpi, æ e Joonas Saari sono noti per la loro originalità e l’approccio etico.

Tra le etichette finlandesi più gettonate c’è Samuji, nato nel 2009. Sebbene il brand sia un nuovo arrivato nel mondo della moda, il suo fondatore, Samu-Jussi Koski, non lo è di certo: prima di Samuji, è stato il direttore artistico di Marimekko.

Per creare le sue linee nette, Samuji trae ispirazione dalla cultura slava. Il brand presenta una collezione di capi classici intramontabili e una linea stagionale di ispirazione boema.

“Il nostro obiettivo è offrire prodotti di moda e design che favoriscano uno sviluppo sostenibile e valori ecologici. Samuji è nato dal desiderio di offrire capi impeccabili e intramontabili che siano alla base del guardaroba di ogni donna”, spiega il direttore del marketing Suvi-Elina Enqvist.

Una collaborazione tra studenti dà vita a R/H

R/H è il frutto dell’ingegno di Hanna Riiheläinen ed Emilia Hernesniemi, che si sono conosciute in una scuola di Helsinki e hanno fondato il brand nel 2010. Secondo Riiheläinen, R/H è caratterizzato da un design distintivo e una qualità che dura nel tempo. Il nome del brand è composto dalle iniziali dei cognomi delle fondatrici.

Riiheläinen descrive lo stile di R/H come un insieme di tagli giocosi, stampe audaci, magia nera e un chiaro design scandinavo.

“R/H ha anche un certo grado di giocosità e un approccio old-school rock ’n’ roll”, aggiunge.

Nuovi arrivi: Saari, Lepokorpi e æJoonas Saari, che ha studiato fashion design a Londra ed Helsinki, è il gestore di Acolyth: un negozio on-line dove vengono presentati i prodotti della sua collezione, Acolyth by Joonas Saari.

“Il mio sogno è trasformare Acolyth in un negozio on-line conosciuto in tutto il mondo. Ai clienti offrirà modelli nuovi e alla portata di tutti come non è mai stato fatto prima sul web”, spiega Saari. “Naturalmente per realizzare questo sogno occorre tanta fortuna”.

Saara Lepokorpi e ae, il brand di Alisa Närvänen e Elina Peltonen, hanno presentato le loro prime collezioni nel 2011.

“Volevo prendere parte allo sviluppo positivo attualmente in corso nel settore della moda finlandese”, commenta Lepokorpi, che descrive le sue creazioni come “appariscenti, provocatorie e leggermente contorte”.

Per Peltonen, co-fondatore di ae, disegnare capi di abbigliamento significa esplorare costantemente e sfidare le norme. “È anche un processo molto intuitivo e guidato dalle emozioni”, aggiunge.

 

Altro in archivio